Corriere della Sera intervista Giulia Innocenzi: Giulia, la radicale che sfida i young dem

Il personaggio: tra sit-in e denunce, la 24enne Innocenzi ha fatto slittare le primarie dei giovani Pd.

Roma – «Questa storia delle primarie giovanili nel Pd è gravissima… anzi, no: è comica. A pensarci bene è più comica che grave». (Sa giocare con le parole. Talento indispensabile, per militare nel Partito radicale: Giulia Innocenzi è la coordinatrice studenti dell’associazione Luca Coscioni, ha 24 anni, è nata a Rimini, madre inglese, l’Erasmus a Parigi, poi ospite di una famiglia a Las Vegas, quindi la laurea in Scienze politiche: diciamo che avrebbe un identikit perfetto per piacere a Walter Veltroni). «E invece direi proprio che…».
Andiamo con ordine.
«Allora, salto indietro d’un paio di settimane: mi parlano delle primarie, ci penso, l’idea mi piace, decido di candidarmi».
Come?
«Ecco, appunto. Apro il sito del Pd: zero, nemmeno una parola. Allora telefono al partito: ma, pure lì, nessuno sa niente».
Scusi: sul sito del Pd non c’era traccia delle primarie giovanili?
«Ripeto: neppure mezza parola».
Lei, a questo punto, che fa?
«Insisto con il partito. Finché un tipo caritatevole non mi dà il numero di un certo Fausto Raciti, mio coetaneo, ex segretario dei piccoli diessini e, a quanto ne so, il più autorevole candidato alla carica di segretario dei giovani del Pd».
Come se…
«Come se, fatte le debite proporzioni, avessero detto a Hillary di chiamare Obama per sapere cosa fare per candidarsi alle primarie americane».
Singolare.
«No, ridicolo. Comunque Raciti mi spiega che la bozza di programma che gira sui blog, piena di date scadute e imprecisioni, è ufficiosa, perciò mi consiglia di stare ferma e buona, tanto sarà lui a richiamarmi».
La richiama?
«No. Così, giovedì scorso, sul quotidiano Europa, scrivo una lettera aperta a Veltroni, spiegandogli ciò che accade».
E lui?
«Non risponde».
Nemmeno un sms?
«Nemmeno».
Strano.
«Giuro: mi ignora. Per fortuna, però, domenica sera mi chiamano certi tipi di un blog, pdnetworkgiovani.it: e mi spiegano che finalmente c’è, sia pure clandestino, un regolamento ufficiale».
Contenuto?
«Per candidarsi bisogna presentare 6oo firme entro giovedì, cioè oggi».
Quattro giorni di tempo. Pochini.
«Infatti domenica sera chiamo l’agenzia Ansa e detto un’altra lettera, la seconda, destinata a Veltroni».
Risultato?
«Continua a far finta di niente. Solo che io, lunedì mattina, mi scateno…». Giovane cuore radicale… «Creo un blog, giuliainnocenziworldpress.it, spedisco una email di denuncia a tutti i parlamentari del Pd e comincio a raccogliere le firme utilizzando i moduli che Pannella usò un anno fa, per le primarie dei grandi».
Martedì, che succede?
«Organizzo un sit-in davanti alla sede del partito, al Nazareno, dov’era convocata la segreteria… chiedo di vedere Veltroni, e aspetto lì due ore, mentre passano tutti, Bersani, la Bindi che mi incoraggia…».
E Veltroni?
«Niente. Ad un certo punto, mi manda fuori Franceschini. Che, tutto soddisfatto, annuncia due decisioni: il regolamento andrà sul sito, la data del voto slitta al 3 ottobre».
È qualcosa.
«E qualcosa di patetico. Sono divisi per correnti, tutti hanno un piccolo candidato… D’Alema ha il suo, un certo Roberto Speranza… Rutelli ha il suo, un tal Nobile… insomma sembrano proprio la Dc, senza però averne l’organizzazione…» .

Corriere della Sera
di Fabrizio Roncone

Annunci

21 commenti»

  Stefano wrote @

Giulia, condivido la tua battaglia, per quanto possa contare hai il mio sostegno! Speriamo possano essere primarie vere ed aperte…

  STEFANO s. wrote @

vai, SEI TUTTI NOI!

  eugenio pirisi del balzo wrote @

Ho troppi anni per partecipare alle votazioni per un movimento giovanile, ma per quello che vale ti do tutto il mio incoraggiamento.
Sarebbe bello se il tuo esempio fosse seguito anche nei settori giovanili di altri partiti.

  Giusi wrote @

grande giulia

  FRANCESCO LABRIOLA wrote @

SEI PATETICA….

  Anellidifumo wrote @

Domani ti pubblico questa intervista sul mio blog. Non sarà il Corsera, ma ha i suoi 570mila click!

  lino wrote @

Cara Giulia ho letto la tua intervista sul Corriere.Ho la tua stessa età e condivido le idee radicali..Non ho condiviso invece,anche se ammetto che la scelta era quasi obbligata,di confluire ne PD..Cosa ti aspettavi da un partito fatto da persone( e non ti illudere che i giovani provenienti dalla sinistra giovanile siano aperti e moderni) che hanno fatto la lora “storia” nel partito comunista ed in quello cattolico??? I metodi utilizzati nella gestione di quella che doveva essere una novità,e cioè le primarie dei giovani PD,sono sempre quelli “storici” che trovano la loro origine nella filosofia totalitaria sovietica..mancata pubblicità e scadenza breve dei termini per le presentazione delle candidature,necessaria raccolta di firme in tempi molto stringenti ecc,ecc…..Non farti illusioni:si possono mutare le nomenclature,si possono cambiare i simboli,ma finchè le persone sono sempre quelle c’è poco da sperare!!!!

  Vincenzo wrote @

Cara Giulia,
ti aiuterei volentieri, ma sono troppo in là con l’età per poterlo fare. Walter non ti risponde? Non stupirti; non lo fa mai. A me ha scritto soltanto una volta (per chiedermi il voto); le mie numerose mail di protesta per l’indecente conduzione del PD, non sono state giudicate degne di una risposta. Pretendere di radicare un partito nel Paese, comportandosi da padreterno, inventandosi regole di comodo, lascia poco spazio alla speranza di vedere nascere il partito di cui ci ha parlato.
In bocca al lupo!
Cordialmente.
Vincenzo

  aldo wrote @

…a volte sembra proprio che le cose non cambino ma le persone coraggiose come te non devono mai darla vinta a quei corpi che sostengono quelle teste anteguerre…marco è un esempio ,se hai la stessa forza e lo stesso coraggio irrompi e scardina il malopotere…

  Paolo wrote @

Ciao Giulia,
sarò breve visto che in questo momento i tuoi minuti corrono particolarmente veloci ed è bene che li impegni al meglio.
Ti capisco benissimo e quella che hai raccontato è la storia già vissuta da molti, molti che alle Primarie di un anno fa ci hanno messo l’anima e si sono visti…(scavalcare?) da regole e giochi di cui la vita reale sta imparando a fare a meno, ma una certa cultura politica italiana proprio non riesce ad archiviare.
E’ certo anche per questo, ma non solo, che il PD oggi è visto come una chimera da chi ha il coraggio di dire la verità.
Intanto ti sono vicino, comunque.
Complimenti ed a presto.

  Anellidifumo wrote @

Promessa mantenuta. Anzi, a metà: non ho ripubblicato l’intervista, l’ho solo linkata. Ma meglio così, un po’ di “anellidi” verranno a leggere il blog tuo e quello di Dario Marini da Brescia. In bocca al lupo!

  dopamino wrote @

di cosa ti meravigli, è tipico di un sisstema eccessivamente democratizzato quello di avere correnti e correntucole…insomma molte parole, molte pugnette pochi fatti.
Se vuoi immischiarti in questa marmaglia abituatici!

  Paolo wrote @

Ho inserito anch’io il link al tuo sito, pubblicando su PRESENTEèFUTURO la lettera che ti ho scritto.
A presto, ciao

  cristiana alicata wrote @

Ci sto lavorando anche io cara Giulia…

  marcogambi wrote @

Beh, non so se in tutto e per tutto possa dirmi solidale con la tua rispettosissima posizione, certo è che lo sono in gran parte.
Soprattutto perchè insistere e insistere e ancora insistere è l’unico modo per essere in qualche modo ascoltati, dal momento che la visibilità vera non te la regala nessuno a meno che non ci sia un piano dietro.
Perchè allora non del tutto d’accordo? Perchè credo che sia ancora difficile giudicare nel complesso un cammino che si è intrapreso per così dire .. ” ex abrupto”. Non è cercare scuse, ma vedendo anche realtà e novità positive nel PD (nel mio comune ce ne sono molte) non sono ancora così arrabbiato.
Il tutto, se vuoi, mi fa pensare che se siamo NOI a lavorare in questo PD, lo miglioreremo e lo cambieremo anche camminandoci un pò dentro.
Se ti va, dai un occhio al nostro blog, lo vedi qui sopra: siamo tutti under 45 e di provenienze culture idee differenti e ci troviamo bene a lavorare insieme,
CIAO
MarcoG

  Paola wrote @

Scusa Giulia: ma se i giovani PD ti fanno così schifo, perché sbavi dalla voglia di mettertici a capo? O ti diverte fare dispetti…? Beh, tesoro, non è che noi altri sbaviamo dalla voglia di avere giovani leaderini più dispettosi di quelli vecchi…

  Lorenzo wrote @

Scusa Giulia, tu sei una persona perbene, ma perché non cancelli i post di insulti che ti arrivano dai giovani piddini, ansiosi di compiacere il futuro vincitore?
A volte penso che non ci sia nulla di peggio di un burocrate di partito. Ma poi mi ricordo che ci sono gli ASPIRANTI burocrati di partito.
Il Partito radicale ha avuto i suoi torti, ma non quello di aver creato una burocrazia autoreferenziale del tutto staccata dalla società civile, come hanno fatto quasi sempre gli altri.

  orzowei988 wrote @

noi siamo i gggiovani, i gggiovani, i gggiovani,
noi siamo i ggiovani, l’esercito dei mods !
Leggendo le dichiarazioni du questa fanciulla in fiore già politicamente decrepita, omologata nel linguaggio, mi viene in mente la Meloni, altra venerata oca col il pallino del PRIMATO DELLA POLITICA. Costruttivisti della domenica, buffoni.

“Il Partito radicale ha avuto i suoi torti, ma non quello di aver creato una burocrazia autoreferenziale del tutto staccata dalla società civile, come hanno fatto quasi sempre gli altri.”

Non sono autoreferenziali i radicali ?Per la Madonna, allora non conosci il significato delle parole .I radicali credono di essere antropologicamente i migliori come un tempo quel tangentaro di Enrico Berlinguer o il dirigista-azionista La Malfa sr,pensano di essere in sintonia con il Paese, che invece li ha già vomitati più volte. Almeno la piantassero di definirsi liberisti e libertari, c’è un limite alla decenza, NIcola Iannello spero glielo abbia fatto capire alla Summer school. Sono i soliti supponenti ,scontati post-azionisti, liberalsocialisti dell’800 che marciano su Porta Pia, che confondono Antonio Martino con Vincenzo Visco . Ormai si autoingannano e campano sul “caso Italia”, l’enorme alibi ossessivamente rilanciato per giustificare il proprio sfascio. Se l’incomprensibile parolaio Pannella andasse in TV a sputazzare + spesso, prenderebbe lo 0.3 %.
.E poi sor Pannella si è fatto negli anni una radio personale che ne rimanda il verbo all’infinito pagata dai contribuenti, ma che vuole ancora questo corrotto ottantenne ?
L’università popolare ? Certo, infatti i prodotti si chiamano culo di pietra Rita Bernardini, una che senza Pannella manco saprebbe vestirsi, un’analfabeta come poche in Italia.Adesso, a 60 anni, ha avuto il laticlavio dal Guru, giusto premio per una vita inutile buttata a Torre Argentina a… come’è che dice la Nostra? ah, sì, a “lottare”.

  giacomo wrote @

grazie orzowei988!
volevo ringraziarti personalmente per i tuoi commenti costruttivi ed illuminanti. adesso ho le idee molto più chiare…
chi deve ancora firmare per Giulia segretario?

  orzowei988 wrote @

contesta nel merito , se ci riesci. RR prende soldi pubblici da una vita, ergo Pannella e C sono mantenuti di stato, da Bordin all’ultimo dei redattori che lo riverisce ogni giorno. Tutto qui, tu comunque puoi continuare a credere alla favoletta autoconsolatoria della diversità radicale. Lo stesso Pannella sa bene che è tempo di bilanci, e negli ultimi 15 anni ha solo sfasciato tutto fra il plauso dei leccapiedi di Torre Argentina, Sa anche che nel partito ci sono solo mediocri arrivisti che lui come Caligola nomina e getta nella polvere nello spazio di un mattino ( vedi le tre beate Zamparutti,Coscioni e Bernardini approdate in PArlamento) personaggi incapaci di andare avanti da soli. Pannella morto, le cose verranno a galla,si tratta solo di aspettare. Tutto il denaro che PAnnella ha accumulato e che tiene ben stretto a chi andrà ?

  giacomo wrote @

Hai ragione meglio contestare nel merito:
chi deve ancora firmare per Giulia segretario?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: